15/06/2018 4.00

Ottavi di finale – primi punti ITF

Le sedici giocatrici  rimaste in gara hanno cominciato a dare il meglio di se per conquistare i primi punti ITF che il torneo distribuisce. Le partite sono subito diventate più dure e tese per le ragazze, ognuna non voleva uscire dal tabellone e perdere così una possibilità di migliorare la propria classifica mondiale; lo dimostra il fatto che ben 4 delle otto partite giocate sono arrivate al 3 set. Nel turno di mezzogiorno la nostra Ludmilla Samsonova (551), giunta dalle qualificazioni, ha battuto al terzo (6-4 5-7 6-4) la più forte ceca C. Zarycka (309). Anche la brasiliana Ce (542) partita dalle quali, si è presa la bella soddisfazione di vincere in rimonta contro Dea Herdzelas (3-6 6-1 6-1). La terza testa di serie, la croata Tereza Mrdeza ha sudata le canoniche 7 camice per battere solo al terzo (6-4 4-6 6-2) la tedesca Sekulic. E’ stato il turno pomeridiano che ha riservato la sorpresa della giornata: la w.c. Tatiana Pieri (773) con un intelligente di gioco fatto di colpi lunghi, variati con slice o in spin, non disdegnando palle alte quando era in difficoltà, ha eretto un muro ( 6-4 2-6 6-2) contro cui si è infranto dopo oltre 2 ore di gioco, il sogno della seconda testa di serie, la turca Ipek Soylu (218), che ambiva a disputare la finale. Più prevedibili gli altri 2 incontri pomeridiani; il derby italiano ha visto la Brescia (250) battere non senza difficoltà la Di Sarra (6-4 7-6) mentre la francese Ferro (257) con un gioco molto regolare si è sbarazzata facilmente di Martina Colmegna (472) in 6-3 6-0. La quarta partita pomeridiana è stata disputata dalla n. 1 del seeding la slovena Tamara Zidansek, da lunedì n. 99 del ranking dopo aver vinto il ricco torneo di Bolt in Croazia di $ 125.000, e la statunitense E. Halbauer (557) che ben aveva impressionata al’esordio. Tatiana ha dimostrato che quella posizione non si raggiunge se non si è dotati di regolarità, potenze e precisione, 3 doti che ha dimostrato di ben possedere liquidando con un doppio 6-1 la pur coriacea Elisabeth.  Nel serale la nostra Di Giuseppe (269) si è portata a casa la partita con la slovena Potocnik (416) in 2 set (7-6 6-3), il primo combattuto mentre il secondo è scivolato via senza particolari patemi . Si sono concluse le semifinali del doppio dove le 2 coppie più forti del tabellone (Soylu/Zarycka e Herdzelas/Mrdeza) si sono qualificate per la finale che si disputerà venerdì pomeriggio.